Condividi su condividi pagina su facebook condividi pagina su twitter Posizione nel sito. Adesso sei in: Home , RTX , base , yaesu ft 857 usato , icom , icom ic 9100 ricetrasmettitore hf vhf uhf

Icom IC-9100 Ricetrasmettitore HF-VHF-UHF

Icom IC-9100 #04 Ricetrasmettitore HF/VHF/UHF

Icom IC-9100 Ricetrasmettitore HF-VHF-UHF

Icom IC-9100 #04 Ricetrasmettitore HF/VHF/UHF
Oltre a poter essere impiegato entro un largo spettro di frequenze, permette diverse modalità di funzionamento, impensabili con altri apparati. Infatti, oltre alle normali comunicazioni DX, sono possibili emissioni in RTTY, D-STAR DV, tramite satellite oppure via luna (EME). In ricezione, comprende una doppia conversione con un mixer ad alta reiezione di immagine e, di conseguenza, bassa distorsione da intermodulazione. In aggiunta alle tecnologie DSP negli stadi di media frequenza permette tutte quelle funzionalità digitali molto efficaci per contrastare il QRM ed il QRN a prescindere dalla banda usata. Doppi ricevitori multibanda e indipendenti L'IC-9100 eroga ben 100W su tutte le HF, 50 MHz, 144 MHz ; 75W sui 430 MHz e 10W sui 1200 MHz, per quest'ultima banda è necessario il modulo opzionale UX-9100. L'IC-9100 riceve simultaneamente due diverse bande: HF/50MHz+ VHF/UHF, VHF + UHF e 430 + 1200MHz. Si potrà ad esempio effettuare un QSO sui 7 MHz nel modo tradizionale ed, in contemporanea, preparare una connessione tramite ripetitore D-STAR nelle bande VHF/UHF osservando nel contempo i segnali in banda sulla presentazione panoramica pertinente ai 7 MHz. Ricevitore a doppia conversione impiegante il DSP a 32 bit. Sia nelle bande HF che in quelle VHF/UHF sino ai 440 MHz, ciascuna banda del ricevitore principale e di quello secondario dispone di un DSP dedicato con dei filtri agilmente predisponibili negli stadi IF nonché di costante AGC selezionabile, doppio PBT, picchi di attenuazione manuali o automatici, riduzione del rumore e soppressore dei disturbi. Filtri di prima conversione opzionali sulle bande HF e 50 MHz. Oltre al valore di 15 kHz, già installato, è previsto l'impiego di altri due filtri opzionali rispettivamente di 3 kHz (FL-431) e di 6 kHz (FL-430). Il filtro da 3 kHz è particolarmente raccomandato per il CW e la SSB in modo da eliminare fenomeni di sovraccarico prodotti da forti segnali adiacenti. Modalità D-STAR* DV (opzionale) Questa può considerarsi la prima applicazione del D-STAR* in un apparato radiantistico per HF. Aggiungendo infatti il modulo apposito UT-121 si potrà accedere a questa modalità di comunicazione. Il modo DV è applicabile tanto sui 28 e sui 50 MHz modo simplex con relative nuove applicazioni come pure nelle tradizionali bande VHF e UHF. Tramite la modalità DR poi sarà possibile l'accesso ai vari ripetitori con dorsali annesse. Connettore USB per il controllo tramite PC. A tale porta sono trasferibili la modulazione, l'audio RX, la demodulazione RTTY ed il modo DV. Impiegando un software appropriato si potrà controllare e operare nei vari modi digitali usufruendo della connessione USB. Tramite il formato dati CI-V l'apparato potrà essere controllato con un PC. Il controllo è possibile anche mediante l'apposito convertitore di livello CT-17. Le proprie coordinate tramite il GPS. Un apposito tasto GPS è stato installato sul pannello frontale. Installando l'unità opzionale apposita UT-121 si potrà collegare un ricevitore GPS esterno al connettore Data 1. I dati pertinenti alla posizione, oltre che in automatico potranno essere anche impostati manualmente. Le proprie coordinate verranno indicate sul display e potranno essere inviate ad altre stazioni tramite il modo DV. Alla ricezione dei dati GPS trasmessi da un'altra stazione si otterranno i dati pertinenti la direzione e la distanza dalla stazione chiamante. Modalità operativa tramite satellite. In modalità satellite è possibile ottenere la sincronizzazione fra gli incrementi di sintonia tra le frequenze di 'uplink' (trasmissione), quelle 'downlink'(ricezione). 20 memorie alfanumeriche riservate a tale modo di comunicazione permettono di conservare la frequenza, il modo operativo ed i toni audio per ottenere una rapida predisposizione. Software di programmazione CS-9100 opzionale. Tramite un PC ed apposito cavo di collegamento USB, usufruendo di tale software sarà possibile accedere alle varie memorie alfanumeriche, nominativi, caratteristiche dei filtri ed impostazioni sull'AGC. Ne consegue una semplificazione sulla comunicazione delle caratteristiche impiegate ad un altro corrispondente consentendogli di provare le vostre impostazioni. Demodulatore e decoder RTTY. La loro presenza permette di ottenere la decodifica immediata del segnale RTTY ricevuto. Non è richiesto l'utilizzo di alcun PC esterno. Modulo opzionale UX-9100 per la banda degli 1.2 GHz. La banda dei 1200 MHz è accessibile mediante l'inserzione del modulo apposito. Saranno così possibili anche le comunicazioni via satellite tramite i modi L/V oppure L/U. Ed inoltre: Accordatore automatico di antenna per le bande HF e 50 MHz. Emissione di un tono audio ai limiti di banda. Sintetizzatore vocale pertinente la frequenza operativa, il modo ed il livello del segnale ricevuto (S meter). Jack per il manipolatore elettronico sul pannello frontale. Quattro memorie dedicate al manipolatore elettronico CW. Funzione di Voice Squelch Control. Indicazione multifunzionale per il livello del segnale ricevuto, del livello della potenza in uscita, del ROS, dell'ALC e del livello di compressione. Connettori per gli altoparlanti esterni del ricevitore principale e di quello ausiliario.
ultima modifica: 17/05/2017 Claudio F.

Richiedi informazioni











 

tutti i campi sono obbligatori